Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Osteoartrosi: significativi miglioramenti del dolore e della funzione fisica con Tanezumab, un inibitore di NGF


Sono stati presentati i risultati dello studio di fase 3 che sta valutando Tanezumab 2.5 mg o 5 mg nei pazienti con dolore osteoartrosico da moderato a grave.

Il braccio di trattamento con Tanezumab 5 mg ha soddisfatto tutti e tre gli endpoint co-primari a 24 settimane, dimostrando un miglioramento statisticamente significativo del dolore, della funzione fisica e della valutazione complessiva della malattia osteoartrosica, rispetto ai pazienti trattati con placebo.
Il braccio di trattamento con Tanezumab 2.5 mg ha incontrato due dei tre endpoint co-primari di efficacia definiti dal protocollo, dimostrando, rispetto al placebo, un miglioramento statisticamente significativo del dolore e della funzione fisica, mentre la valutazione complessiva dell'osteoartrosi non è risultata statisticamente diversa rispetto al placebo.

La somministrazione sottocutanea di Tanezumab 2.5 mg o 5 mg è stata valutata ogni 8 settimane, per un totale di 24 settimane.

I pazienti arruolati nello studio avevano sperimentato inadeguato controllo del dolore o intolleranza ad almeno tre diverse classi di analgesici, e in media soffrivano da osteoartrosi da più di 6 anni.
Presentavano, inoltre, un impatto significativo del dolore sulla capacità di gestire le attività della vita quotidiana.

Dati preliminari di sicurezza hanno mostrato che Tanezumab è risultato generalmente ben tollerato durante il periodo di trattamento di 24 settimane, con bassi tassi di interruzione a causa di eventi avversi sia tra i pazienti trattati con Tanezumab sia con quelli trattati con placebo.
Lo studio ha incluso anche un periodo di follow-up di sicurezza di 24 settimane, per un totale di 48 settimane di osservazione.

Nel complesso, l’osteoartrosi rapidamente progressiva ( RPOA ) è stata osservata nel 2.1% dei pazienti trattati con Tanezumab, non è stata riscontrata nel braccio placebo.
Il rapporto tra osteoartrosi rapidamente progressiva di tipo 1 e di tipo 2 era di 2:1, in linea con il rapporto dei dati precedentemente riportati.

E' stato registrato un evento di osteonecrosi e un evento di frattura subcondrale da insufficienza, osservati in pazienti trattati con Tanezumab; nessun evento è stato riscontrato nel braccio placebo.
Il tasso di sostituzione totale dell’articolazione era simile tra i gruppi di trattamento Tanezumab e placebo.

Tanezumab è un anticorpo monoclonale umanizzato che agisce in modo selettivo legandosi e inibendo l'NGF ( fattore di crescita nervoso ).
I livelli di NGF aumentano nell'organismo a causa di lesioni, infiammazioni o stati di dolore cronico.
Inibendo l'NGF, Tanezumab può aiutare a evitare che i segnali del dolore prodotti da muscoli, pelle e organi raggiungano il midollo spinale e il cervello.
Tanezumab è dotato di un meccanismo d'azione diverso rispetto agli oppioidi e ad altri analgesici, compresi i farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ). ( Xagena2019 )

Fonte: Lilly & Pfizer, 2019

Reuma2019 Med2019 Farma2019


Indietro